7. Ristrutturare casa: inizio lavori e cantiere

Una volta completati i documenti e le pratiche edilizie necessarie per la ristrutturazione, si procede con l’avvio dei lavori. Il cantiere è aperto!

In questa fase il professionista a cui ci siamo affidati, sarà anche il Direttore Lavori per tutto ciò che riguarda il cantiere. In sintesi si occuperà di:

  • Organizzare i lavori e controllare che vengano eseguiti nell’ordine cronologico stabilito
  • Monitorare e sorvegliare il cantiere attraverso continui sopralluoghi
  • Far rispettare le norme edilizie e urbanistiche
  • Contabilità delle opere e lavorazioni
  • Verificare il progetto esecutivo

Non solo, il tecnico avrà anche il compito di fare da intermediario tra il cliente e l’impresa edile, gli artigiani e i professionisti del settore incaricati nelle diverse mansioni. Nel caso vi siano degli intoppi o delle incertezze, sarà lui stesso a fare chiarezza per trovare una soluzione.
Allo stesso tempo si occuperà dell’ordinazione delle varie forniture, perché è essenziale che i materiali arrivino nei giusti tempi per poter essere installati, in modo che per ogni fase di lavorazione completata si possa procedere con la successiva.
Infatti durante una ristrutturazione i lavori e le opere si susseguiranno secondo un ordine prestabilito e che solitamente è uguale per tutte le ristrutturazioni.

La prima cosa da fare è liberare il cantiere per permettere agli operai e ai professionisti di svolgere il proprio lavoro senza ingombri e con precisione. Innanzitutto bisogna rimuovere tutti gli arredi e procedere con le eventuali demolizioni, che possono comprendere i muri, i controsoffitti, i vari impianti oppure i pavimenti.

Nella seconda fase si procede con la costruzione delle nuove opere, ovvero le murature, che comunque saranno installate al grezzo.

Una volta che i nuovi muri saranno stati realizzati, verranno installate le prime componenti degli impianti in base al progetto. Gli impianti sono quattro: elettrico, idrico, del gas e riscaldamento.

Completata anche questa fase, si possono posizionare i massetti a terra, chiudere le tracce sui muri, dare l’intonaco per rifinire e proteggere le pareti e rivestire i bagni.

I pavimenti possono essere posati in questa fase, tranne quelli in legno poiché necessitano dell’installazione degli infissi e di una maturazione del massetto che garantisca un supporto idoneo e con umidità ridotta. Nel caso in cui nel progetto sia compreso anche la stesura dello stucco sulle pareti, il pavimento in legno andrà installato solo dopo questa fase.

Infine si procede con la sistemazione finale dell’impianto elettrico (passaggio dei cavi e sistemazione del quadro generale) e idrico (installazione sanitari e rubinetti).

La prossima fase, che vedremo nel prossimo articolo, comprenderà tutte le finiture e i dettagli finali.