3. Ristrutturare casa: sviluppo del progetto

Una volta completata la fase del sopralluogo e del rilievo, si passa allo sviluppo del progetto, dove potremo finalmente discutere nei dettagli la ristrutturazione degli ambienti con il nostro tecnico di fiducia.

Verrà quindi stilato un progetto preliminare su misura in base alle nostre richieste e necessità, alle normative vigenti e al calcolo degli spazi.
Per accontentare qualsiasi tipologia di cliente, il tecnico incaricato potrà fornire diversi tipi di progetto. Che cosa significa?


Per esempio, per chi vuole semplicemente un’idea approssimativa di come ristrutturare una singola stanza, come il bagno, verrà stilato un progetto base con una planimetria 2d; oppure per il cliente che deve ristrutturare l’intera casa, ci sarà l’esigenza di una planimetria con eventuali demolizioni/ricostruzioni, completa di arredi e magari di qualche vista 3d (clicca qui per leggere l’articolo al riguardo); o ancora, per il cliente che ha bisogno solo di rinnovare l’arredamento verranno forniti consigli e idee arredo, oppure un elenco dettagliato dei materiali. Quindi in base alle nostre richieste, ci sono diversi tipi di servizi e progetti che possiamo ottenere. Oltre a questo, potremo richiedere al tecnico di occuparsi anche delle pratiche edilizie necessarie per la ristrutturazione.


Solitamente per le ristrutturazioni complesse, quindi per una casa o un appartamento, i primi disegni che ci vengono forniti possono essere abbastanza semplici, perché è importante sia per noi che per il tecnico capire se e come la disposizione degli ambienti possa soddisfare a pieno le nostre necessità, per poi arrivare ai disegni completi e decisivi una volta trovato il progetto definitivo, quello che poi andrà realizzato. A questo punto si potrà stilare il progetto esecutivo che conterrà tutti i dati necessari per la realizzazione delle opere.