Rubrica cucine. Gli elementi base.

Ora che abbiamo visto assieme le varie tipologie di cucina (vedi articolo precedente) possiamo proseguire nel conoscere meglio gli elementi che la compongono.


Vediamo insieme quali sono:

MOBILI: stiamo parlando di ante, pensili, colonne, dispense, cassettoni, insomma tutto ciò che andrà a dare forma alla nostra cucina. Possiamo sceglierne il colore e i materiali, se inserire elettrodomestici ad incasso o meno, se vogliamo più pensili alti, colonne, ante o cassettoni, ecc.
I mobili sono la struttura base della cucina che poi andremo a personalizzare con tutti gli altri elementi.

PARASCHIZZI: l’elemento che divide il piano di lavoro dal muro, per proteggere quest’ultimo da eventuali macchie e spruzzi durante la preparazione dei cibi. Deve essere idrorepellente e resistente ai continui lavaggi, all’usura e alle temperature elevate. La scelta del materiale è ampia, è infatti possibile scegliere tra il grès, il laminato, il vetro temperato oppure la pietra, la resina o la ceramica. E’ realizzabile con lo stesso materiale del piano di lavoro o può avere un’estetica indipendente.

TOP o PIANI DI LAVORO: i rivestimenti orizzontali che andranno a ricoprire i nostri mobili, quindi tutto lo spazio su cui possiamo appoggiare cibo, oggetti e cimentarci nelle arti culinarie, sfruttandoli anche come tavolo integrato o piano snack.

ELETTRODOMESTICI: gli elementi più importanti, perché saranno proprio loro a dare un certo valore alla nostra cucina. Possono essere ad incasso o a libera installazione. In questa categoria sono compresi i grandi elettrodomestici come frigo, freezer, lavastoviglie, fornelli e forno, ma anche i più piccoli come il tostapane, il frullatore, la macchina del caffè e quella del pane, il robot da cucina, la planetaria e tanti altri. Non è necessario averli tutti: come abbiamo visto nel precedente articolo, ogni persona adatta la cucina alle proprie esigenze e ai propri spazi, in base al tempo che passa in questo ambiente.
Come vedremo in seguito il valore della cucina non è dato dalla quantità di elettrodomestici che sceglierete, ma dalla loro qualità.

ZOCCOLI e PIEDINI: i supporti e le rifiniture per i mobili base della cucina.
Gli zoccoli si trovano nella parte bassa della cucina con la funzione di nascondere i pochi centimetri di spazio che si trovano tra la base del mobile e il pavimento, evitando che cibi e briciole ci finiscano sotto. Sono facilmente rimovibili nel caso si volesse dare una pulita! Possono essere di diverse altezze e abbinabili con altri elementi di finitura della cucina.
I piedini invece sono il supporto stesso per i mobili, possono essere livellatori o regolabili, personalizzabili quindi per i piani cottura e per gli armadi cucina.
Negli ultimi anni vengono riproposte cucine con piedini a vista, in particolare quelle a libera installazione, inoltre molti altri produttori propongono cucine interamente sospese, quindi addossate alla parete e con alcuni centimetri di vuoto tra la fine del mobile e il pavimento.

FERRAMENTA: sono una parte fondamentale per la cucina e la loro qualità fa davvero la differenza. Si tratta di tutte quelle giunzioni, cerniere, guide e accessori indispensabili per tenere i mobili assieme e permettere quindi lo scorrimento dei cassettoni e l’apertura delle ante e dei pensili. Queste ultime possono venire aperte e chiuse con diversi sistemi: abbiamo le maniglie, il sistema a gola, il sistema push-pull o lo scorrimento complanare.

ACCESSORI o ALLESTIMENTI INTERNI: vengono compresi in questa categoria tutti gli accessori e gli oggetti necessari a una cucina, quindi parliamo di tutti quegli elementi che possiamo inserire nei mobili e nei cestoni: contenitori per la raccolta differenziata, cestelli per organizzare la dispensa, portaspezie, portaposate, scolapiatti oltre ai vari accessori che si possono appendere a parete per attrezzare meglio l’ambiente.  Insomma tutto ciò che serve per dare funzionalità alla cucina ma anche praticità e ordine.


Ora che avete un’idea più chiara di tutti gli elementi che vanno studiati e progettati per realizzare l’ambiente cucina dei vostri sogni, possiamo proseguire con una lista dei materiali più comunemente usati per i rivestimenti dei piani di lavoro.