2. Ristrutturare casa: verifica preliminare dello stato dei luoghi

Una volta scelto il nostro tecnico di fiducia, sarà suo compito procedere con la richiesta di accesso agli atti al Comune di appartenenza dell’edificio.
Con questo procedimento si va a verificare lo stato di fatto approvato precedentemente, per capire se negli anni sono state depositate pratiche edilizie per modifiche all’edificio o se sia rimasto lo stato originario di costruzione dell’immobile.

In questa fase iniziale si può verificare la presenza di progetti, attestati di agibilità o altri documenti relativi alla legittimazione urbanistica dell’abitazione.
Nel caso in cui non si riesca a reperire documentazione depositata in Comune (frequente in edifici di costruzione storica o comunque antecedenti al 1968) si procede alla verifica della documentazione depositata in Catasto, ovvero la visura e la planimetria catastale.

 

Dalla metà degli anni ’90 infatti, si è richiesto un accatastamento dell’edificio a tutti i proprietari di immobili, in modo da tenere comunque una documentazione basica anche per quelle costruzioni che non avevano un progetto o atti urbanistici depositati in Comune.
Per questi edifici quindi, in base alla normativa vigente, si fa fede alle planimetrie depositate al catasto.


Nella terza fase, una volta che abbiamo recuperato la documentazione necessaria, si procede con il sopralluogo per verificare la corrispondenza di quanto presentato nelle planimetrie o nei progetti depositati. Inoltre si effettua un rilievo per verificare lo stato fisico dell’immobile, ad esempio la condizione degli impianti, se tutti gli spazi sono a norma, se vi sono problemi strutturali o danni quali infiltrazioni etc.


Nel caso vi siano delle difformità tra la costruzione reale e gli atti ufficiali, bisognerà valutare una sanatoria o il ripristino dello stato dei luoghi, cosa che andremo a valutare con il nostro tecnico di fiducia.

Una volta superata questa fase, si potrà procederà alla stesura del progetto vero e proprio, che vedremo nel prossimo articolo.