Breve guida ai materiali per gli infissi

Quando si tratta di costruire o ristrutturare una casa, è importante avere un occhio di riguardo nella scelta dei serramenti. Sono elementi importanti in una casa, perché devono rispettare alcune esigenze quali l’isolamento termico e acustico, l’estetica finale degli ambienti e l’esaltazione della luce negli stessi.
Se ci troviamo a scegliere che tipo di serramento installare nella nostra casa, ci troveremo ad analizzare tre materiali: il legno, l’alluminio e il PVC.
Vediamoli assieme:

𝗣𝗩𝗖

Il PVC, ovvero cloruro di polivinile, nonostante sia un derivato del petrolio e altre materie prime naturali, è un materiale plastico sostenibile ottimo per la realizzazione degli infissi.

E’ un isolante naturale, infatti è valido sia a livello termico che acustico, con una grande resistenza agli agenti atmosferici sebbene nel lungo tempo tenda a indurirsi e scolorirsi.

Per quanto riguarda il fattore estetico, è consigliabile scegliere il PVC quando si hanno finestre piccole, nella norma, e non si desiderano colori sgargianti o diversi da quelli base (bianco o avorio), in caso contrario bisognerebbe ricorrere alla verniciatura e con superfici ampie tende ad avere qualche svantaggio a livello meccanico.

𝗔𝗟𝗟𝗨𝗠𝗜𝗡𝗜𝗢

E’ un materiale completamente riciclabile e costituito da una lega di alluminio, silicio, magnesio e una piccola percentuale di rame.
Per quanto riguarda la sua personalizzazione, può essere verniciato attraverso prodotti appositi ed è il più utilizzato quando si tratta di installare grandi superfici vetrate.

E’ anche un ottimo conduttore di calore, per questo per l’isolamento termico è d’obbligo assicurarsi che venga fatto un taglio termico: ovvero una combinazione con altri materiali isolanti.

Nonostante ciò, ha una grande durata nel tempo ed è molto resistente agli agenti atmosferici, in caso di incendi e a livello meccanico, in caso di effrazioni.

𝗟𝗘𝗚𝗡𝗢

Un grande classico che non tramonta mai: esteticamente si abbina facilmente con gli elementi d’arredo e i rivestimenti.

A livello termico e acustico è un grande isolante ed essendo un materiale naturale ha un basso impatto ambientale. Può comunque venir messo alla prova dagli agenti atmosferici, per questo negli infissi odierni si usa il legno lamellare che risulta molto più resistente per esempio di un legno massello.
Viene installato e si adatta a qualsiasi tipo di design poiché la sua resa materiale garantisce una sensazione di accoglienza in qualsiasi ambiente ci troviamo ad adottarlo.

Per ottenere un prodotto ancora più resistente, si può combinare con alluminio e PVC: infatti tra i tre, il legno è quello che richiede maggiore manutenzione nel corso degli anni.
La combinazione più diffusa è legno-alluminio, in cui si combinano i vantaggi di entrambi per rendere i serramenti ancora più gradevoli e resistenti. In questa tipologia il legno viene utilizzato per la facciata interna, in modo da ottenere una resa estetica e un isolamento termico eccellente, mentre l’alluminio viene installato nella parte esterna come protezione dagli agenti ambientali e dall’usura. Il costo di questo serramento è molto elevato e la parte interna in legno potrebbe richiedere negli anni qualche manutenzione, ma è comunque molto più resistente e duraturo di un infisso in PVC.

Ora che avete un quadro generale dei materiali, rimane solo la scelta della dimensione e dello stile del serramento. Vi consigliamo sempre di affidarvi a un tecnico di fiducia che sappia elencarvi i vari vantaggi e svantaggi nel dettaglio, per condurvi verso la scelta migliore per voi e per la vostra casa.